GIANLUCA ZAPPA                                           <<

"LA MUSICA E' CAMBIATA"

 Concerto - 18 luglio 2012 - Chiostro della Chiesa della Santissima Trinità - Viterbo

VITERBO - Gianluca Zappa presenta il suo ultimo lavoro, un concerto dal titolo “La musica è cambiata”. Si terrà mercoledì 18 luglio alle 21 presso il chiostro della chiesa della Santissima Trinità.
Lo spettacolo è davvero molto interessante, saranno suonati dei brani scelti che sono stati scritti da Gianluca durante tutta la sua vita. “Mi piaceva raccontare una storia con dentro il vecchio e il nuovo – conferma Zappa - Il filo rosso che unisce i diversi testi è il desiderio di infinito presente nel cuore dell’uomo”. Attraverso le canzoni si ripercorre la vita dell’autore, alcuni brani risalgono infatti al ’79, quando era solo un ragazzo, e via via si arriva fino all’ultima composizione che è del mese scorso e che dà il titolo al concerto “La musica è cambiata”. “Ci sono due canzoni dedicate all’amore – va avanti - c’è una canzone ispirata ai figli… le esperienze importanti della mia esistenza raccontate in musica e poesia”.
Al piano elettrico ci sarà Gianpaolo Anselmi, con cui Gianluca ha preparato gli arrangiamenti e che con la sua sensibilità musicale ha dato una veste più ricca alle canzoni. Il maestro Anselmi è riuscito a mettere insieme altri musicisti che sono Stefano Toticchi alla tastiera e Piero Ranucci al contrabbasso.
“Il messaggio che voglio dare è che non è l’uomo a creare Dio – prosegue – bensì è l’infinito che si disvela nella vita del singolo e si rende incontrabile, e questa necessità presente nei nostri cuori non rimane inappagata. Quando avviene questo miracolo la vita diventa più bella, profonda e nuova, e scopriamo di colpo che ‘la musica è cambiata’. A proposito del mistero che si fa conoscere, c’è una canzone che si chiama Zaccheo: un personaggio del vangelo che a me piace molto, lui era un pubblicano la cui vita cambia in poche ore dopo l’incontro con Gesù. La sera va a dormire ed è un uomo nuovo che si converte completamente, questa è un po’ la storia anche mia”.
La chiesa della Trinità è stata scelta per l’amicizia con Padre Mario degli agostiniani e per la bellezza di quel chiostro. “È un concerto per gli amici – va avanti Gianluca - perché c’è il desiderio che tutte le persone che conosco, partecipino per ricevere questo dono. Tra gli amici ci sono molti miei studenti che dopo anni di lavoro insieme si sono diplomati, ci tengo particolarmente alla loro presenza; inoltre alcuni li ho coinvolti nello spettacolo. C’è Beatrice Giacomi che danzerà, Michel Yammine, Eduardo Ruzzi che reciterà un paio di testi poetici. Sono tutti giovani che si sono dimostrati disponibili a lavorare e ci hanno messo grande entusiasmo e sensibilità artistica. Importante, infine, è il ricordo di mio padre la cui vicenda è purtroppo nota a tutti. C’è una canzone che è nata proprio da un’esperienza con lui e ci sarà un momento dedicato ad Ausonio Zappa”.
 

Dino Garcìa Duranti

 

VITERBO

SPETTACOLI

Associazioni, Fondazioni...

Comuni e Province

 

FOTOVIDEO

 

FOTO d'arte

 

<< indietro

 

Altre foto >>

Il sito è ottimizzato per Internet Explorer versione 4 o successiva - Risoluzione consigliata 800x600, caratteri medi

Copyright © FOTOVIDEOLAB di Riccardo Spinella - Tutti i diritti riservati - Listino prezzi

 

=---MOTORE---=    di ricerca interno

 - Web Master

 FVL